“Tira dritto” il talk-street nei luoghi di spaccio contro la cocaina

“Tira dritto” il talk-street nei luoghi di spaccio contro la cocaina fa tappa allo ZEN di Palermo: ridare coraggio e speranza a chi vuole dire basta al consumo di droga gli adolescenti siciliani del quartiere ZEN contro la droga
 
Prosegue il tour itinerante contro la cocaina, che oggi ha fatto tappa allo ZEN di Palermo, quarta città dopo Napoli e Bari che fa parte del progetto di sensibilizzazione “TiraDritto – STOP Cocaina – contro la droga nei luoghi di spaccio italiani”.
L’iniziativa nata da un’idea di Paolo Berizzi, inviato de “La Repubblica” e scrittore, “TiraDritto” è promossa e finanziata dal Dipartimento Politiche Antidroga ed è sostenuta da Unicef, Croce Rossa Italiana – EIHP, FIGC (Federazione Italiana Giuoco Calcio) e San Patrignano ottenendo l’adesione di numerosi personaggi dello spettacolo e della cultura italiani.
Il talk street che si è volto questa mattina nel quartiere ZEN di Palermo, ha visto tra gli altri anche la partecipazione del Sindaco, Leoluca Orlando, che ha ringraziato tutti quelli che con la loro presenza hanno testimoniato la volontà di combattere contro la droga. Palermo, ha proseguito il primo cittadino, rivendica la legalità dei diritti quali salute, lavoro, futuro e ambiente e fra tutti questi diritti certamente la cocaina rappresenta un ostacolo alla legalità.
Tra i partecipanti anche il vice prefetto Maria Gargano che ha ribadito l’importanza della prevenzione rispetto al fenomeno droga. Don Pertini, della chiesa San Filippo Neri, ha ringraziato Paolo Berizzi, – ideatore del talk street – per il suo impegno sociale, per il coraggio di denunciare e di dare speranza a tutti i giovani siciliani e non solo. “I signori della coca hanno rubato pezzi di città – ha detto Paolo Berizzi – è il momento di riappropriarsi di questi spazi e di farlo tutti insieme. Sono gli spacciatori che devono andarsene, non i cittadini perbene costretti a vivere in ostaggio del silenzio imposto dai clan. TiraDritto! Lo diciamo ai ragazzi e a chi smercia il loro futuro”.
Secondo Serpelloni – capo del DPA – è necessario aumentare la responsabilità individuale passando per le famiglie e la scuola. E’ stato inoltre sottolineato che le campagne come quella di Tira Dritto sono di grande importanza e utilità perché servono a incrementare la cultura della salute e della legalità soprattutto nei ragazzi, ricordando loro che chi usa droghe danneggia la propria salute e mette a rischio anche quella di altri, ma soprattutto chi compra droga di qualsiasi tipo, finanzia direttamente le mafie, le loro violenze e il terrorismo. Durante l’incontro è stato messo in risalto il dato raccolto dal Dipartimento Politiche Antidroga, secondo il quale i ragazzi siciliani consumano meno rispetto alla media nazionale.
Il tour toccherà altre 9 città italiane per tutto il 2013, prossima tappa Cagliari.

Galleria fotografica dell’evento

“Tira dritto” il talk-street nei luoghi di spaccio contro la cocainaultima modifica: 2013-10-09T23:56:00+00:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo